Lo stralcio del mese

"Words can sometimes have a far greater effect on HEART than a kiss" (Maybe Someday)

sabato 12 aprile 2014

"Gabriel's Rapture: Redenzione e tormento" di Sylvain Reynard

Dettagli prodotto 
Titolo originale: Gabriel's Rapture (Gabriel's Inferno #2)
Autrice: Sylvain Reynard
Edizioni: Editrice Nord

TRAMA: Gabriel e Julia sono anime gemelle. Per lui, quella timida e dolce studentessa universitaria è la luce che ha spazzato via le tenebre del passato; l’angelo che lo ha allontanato dalla strada dell’eccesso e che gli ha insegnato ad amare. Per Julia, l’incontro col professor Gabriel Emerson è stato l’inizio di una «vita nova». Grazie a lui, Julia si è lasciata alle spalle i ricordi dolorosi e ha trovato la forza per superare le proprie insicurezze. E adesso è pronta per farsi guidare lungo un sentiero costellato di desideri e di trasgressioni, verso il paradiso della felicità…
All’improvviso, però, il destino volta loro le spalle. Qualcuno ha scoperto la loro relazione e, per evitare uno scandalo che trascinerebbe nel fango l’ateneo, il rettore li mette di fronte a un ultimatum: devono separarsi, altrimenti la loro vita diventerà un inferno. Ma come potrà Gabriel scegliere tra la sua Beatrice e la carriera? Come potrà Julia essere felice se rinuncerà ai suoi sogni in nome dell’amore?
Profondo, sensuale e straordinariamente romantico, Gabriel’s Rapture trascina il lettore in un vortice di sentimenti contrastanti e segreti inconfessabili, di slanci impetuosi e decisioni sofferte, proseguendo il racconto della storia d’amore che ha conquistato milioni di lettori in tutto il mondo. 

«Ti amerò per sempre, mia Beatrice,
che tu decida di restare con me o di andartene.
Questo è il mio paradiso. E il mio inferno.»

RECENSIONE: eccoci qua a parlare del secondo libro di questa trilogia, Gabriel's Inferno. Se avevo trovato il primo molto bello, ho trovato il secondo addirittura migliore. I protagonisti sono ancora il professor Gabriel Emerson e la studentessa Julianne Mitchell. I due hanno trascorso momenti felici in Italia, ma al loro ritorno si ritrovano una denuncia a loro carico per aver violato la legge che impone ai professori di non avere rapporti con le studentesse. Questo porterà Gabriel a decidere di allontanarsi dalla studentessa almeno fino alla sua ammissione a Harvard, ma una serie di fraintendimenti porteranno Julianne a pensare che lui ha preferito la carriera a lei.
Al di là della trama in se e per sé ho amato molto la descrizione della profonda sofferenza che provano sia Gabriel che Julianne, privandosi l'uno dell'altra. Non è una semplice mancanza, è il senso di vuoto e di assenza dovuto da quello che uno rappresenta per l'altro. Gabriel è l'amore della vita di Julianne, il suo Dante, l'uomo che l'ha fatta innamorare in una notte, l'uomo del suo primo bacio, della prima volta mano nella mano, della prima volta a far l'amore... Lei invece rappresenta l'amore, ma anche molto di più, è la sua Beatrice, la sua guida spirituale, quella che l'ha cambiato, l'ha reso un uomo più generoso verso gli altri, lei è la sua salvezza, la sua occasione per redimersi, e forse per guarire dai dolori che lo hanno sconvolto e cambiato.
Mi è piaciuto molto anche lo spazio maggiore che viene dato alla famiglia di Gabriel e al padre di Julianne, alla fine Tom Mitchell è un brav'uomo che è stato portato dagli eventi della vita a dare l'impressione di non essere un buon padre, ma ama sua figlia più di ogni altra cosa.
Richard e la defunta Grace rappresentano l'ideale di coppia e di amore a cui aspirare, e a cui in effetti cercano di ambire sia Rachel con Aaron, che Scott con Tammy, per non parlare di Gabriel e Julianne. 
La seconda parte del libro mi ha lasciata un po' perplessa, non tanto per il finale che era plausibile, ma la castità decisa uniliateralmente da Gabriel mi è parsa un po' una forzatura, anche se alla luce di quello che era accaduto sembrava una sorta di "mettersi alla prova".
Stile impeccabile, un linguaggio pulito e privo di volgarità, anche questo secondo libro intriso di bei riferimenti danteschi e letterari in genere, con delle bellissime parti romantiche. Ancora una volta direi che non è esattamente un libro erotico, perchè da questo punto di vista moltissimo viene lasciato all'immaginazione, direi con ottimi risultati.
Il mio giudizio ?
Ebbene si, per la prima volta il secondo libro supera nel giudizio il primo...perchè mi ha intrigato e coinvolto di più. Una lettura che senz'altro consiglio, ma solo a seguito del primo libro.
Alla prossima
Alessandra



Nessun commento:

Posta un commento