Lo stralcio del mese

"Words can sometimes have a far greater effect on HEART than a kiss" (Maybe Someday)

lunedì 24 febbraio 2014

"Alice in Zombieland" di Gena Showalter

Alice in Zombieland
Titolo: Alice in Zombieland
Autrice: Gena Showalter
Editore: Harlequin Mondadori

TRAMA: Non avrò pace finchè non avrò rispedito tutti i morti che camminano. Per sempre. Se qualcuno mi avesse detto che la mia vita sarebbe cambiata in un momento, sarei scoppiata a ridere. E invece è proprio quello che è accaduto. Un attimo, un secondo, il tempo di un respiro, e tutto ciò che amavo è sparito. Mi chiamo Alice Bell, e la notte del mio sedicesimo compleanno ho perso la madre che adoravo, la mia sorellina e il padre che non ho mai capito finchè non è stato troppo tardi. Questa notte ho scoperto che lui aveva ragione: i mostri esistono veramente. Gli zombie mi hanno portato via tutto. E adesso non mi resta che la vendetta. per realizzare i suoi propositi, Alice dovrà imparare a combattere contro i non-morti e fidarsi del peggiore dei cattivi ragazzi della scuola, Cole Holland. Ma lui nasconde dei segreti. E quei segreti potrebbero rivelarsi persino più pericolosi degli zombie.

RECENSIONE: come si evince dal titolo, Alice in Zombiland si ispira dal notissimo Alice nel Paese delle Meraviglie...ma vi garantisco che le due storie hanno davvero pochissimo in comune. Intanto c'è da dire che questo è il primo capitolo di una serie, The White Rabbit Chronicle, che prima è uscita in versione ebook e solo in un secondo momento in versione digitale.
Il romanzo è idealmente diviso in due parti: una più romantica ed una più densa di azione.
Alice è un personaggio che mi è piaciuto molto, a momenti molto triste, ma anche molto determinata, non esente dal cliché la ragazza nuova si innamora del ragazzo più figo e meno raccomandabile che incontra. Alice da dolce personaggio che ricorda le fiabe si trasformerà in una cacciatrice di zombie assetata di vendetta.
L'autrice affianca alla protagonista Kat, un personaggio brillante che si impone come "migliore amica" di Alice, è quel personaggio che tira su il morale nel momento in cui la tristezza pervade il romanzo.
Veniamo ora al bello e poco raccomandabile Cole, dolcissimo e prepotente allo stesso tempo, sexy e accattivante, anche lui non esente dal cliché mi innamoro ma la lascio perché non faccio al caso suo, ma poi ci ripenso e cerco di riconquistarla, ma che ha stregato me proprio allo stesso modo in cui ha stregato Alice.
Insomma un romanzo che mi è piaciuto molto, che non ha niente a che vedere con l'originale di Carrol, ma che, come in quel caso, ci porta in un mondo molto ben costruito, e come sapete, io apprezzo in modo particolare coloro che riescono a portarmi in mondi nuovi e originali.
Il mio giudizio
Direi che leggerò anche il secondo volume perchè il primo mi è piaciuto molto.
Alla prossima
Alessandra


3 commenti:

  1. Io ho amato questo libro! *w* ricordo perfettamente le emozioni che mi faceva provare.. e non vedo l'ora di leggere il secondo volume! *w*

    RispondiElimina
  2. questo romanzo è piaciuto moltissimo a molte lettrici... devo dire che io l'ho trovato carino, infatti leggerò volentieri il seguito se verrà pubblicato, ma non eccezionale.

    RispondiElimina
  3. mi è piaciuta molto la lettura di questo libro.

    RispondiElimina