Lo stralcio del mese

"Words can sometimes have a far greater effect on HEART than a kiss" (Maybe Someday)

mercoledì 27 agosto 2014

"Storia di un gatto e del topo che diventò suo amico" di Luis Sepulveda

Ciao amiche, oggi voglio avventurarmi nella recensione di qualcosa di diverso, un libro destinato a un pubblico di giovanissimi, Storia di un gatto e del topo che diventò suo amico, si perchè ogni tanto fa bene anche agli adulti perdersi nelle favole da bambini, soprattutto se sono favole raccontate con lo stile e la dolcezza di Luis Sepulveda.

Storia di un gatto e del topo che diventò suo amico 
Titolo: Storia di un gatto e del topo che diventò suo amico
Autore: Luis Sepulveda
Edizioni: Guanda

TRAMA: A Monaco, Max è cresciuto insieme al suo gatto Mix, con cui  ha raggiunto un legame molto profondo. Raggiunta l'indipendenza dai genitori, Max va a vivere da solo portandosi dietro l'amato gatto. Il suo lavoro, purtroppo, lo porta spesso fuori di casa e Mix, che sta invecchiando e perdendo la vista, è costretto a passare lunghe ore in solitudine. Ma un giorno sente provenire dei rumori dalla dispensa e intuisce che deve esserci un topo... Un 'altra grande storia di amicizia nella differenza, che divertirà e commuoverà più generazioni di lettori, perchè questa è la magia di Luis Sepulveda.
RECENSIONE: come ho detto all'inizio, mi avventuro nella recensione di una favola da bambini, che però è davvero deliziosa anche se letta da adulti, perchè se ne colgono sfumature diverse. Per chi ha letto Storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare sa già che Sepulveda è un mago nel raccontare storie di amicizia tra personaggi differenti. E anche questa è una bellissima storia di un'amicizia tra esseri umani e animali, la storia di come un gatto che ormai invecchiato e quasi cieco può tornare a vedere e a sentirsi davvero vivo attraverso gli occhi e i racconti di quello che dovrebbe essere un suo acerrimo nemico, un topolino.
Una storia bellissima, che io ho trovato addirittura commovente, ma si sa, io sono particolarmente sensibile...e che consiglio vivamente ai genitori...leggetela ai vostri bambini, fategliela leggere se sono grandicelli, e leggetela voi stessi, perchè non è mai tardi per leggere una favola !
 
Alla prossima
Alessandra

1 commento:

  1. ciao
    sono d'accordo con te, vero non è mai tardi per leggere una favola.

    RispondiElimina