Lo stralcio del mese

"Words can sometimes have a far greater effect on HEART than a kiss" (Maybe Someday)

sabato 24 gennaio 2015

"It" di Stephen King

Buonasera amiche, eccoci alle recensioni del week end. Come sapete sto partecipando a una reading challenge basata su una scelta di autori, questo mese la scelta era tra la Rowling e Stephen King. Oggi quindi vi parlerò di un libro che avevo in casa da secoli e che ho letto nel corso del mese...si perchè non è proprio il mio genere preferito, e poi perchè era davvero piuttosto lungo. Parliamo di It

It 
Titolo: It
Autore: Stephen King
Edizione: Sperling 

TRAMA: In una ridente e sonnolenta cittadina americana, un gruppo di ragazzini, esplorando per gioco le fogne, risveglia da un sonno primordiale una creatura informe e mostruosa: It. E quando, molti anni dopo, It ricomincia a chiedere il suo tributo di sangue, gli stessi ragazzini, ormai adulti, abbandonano famiglia e lavoro per tornare a combatterla. E l'incubo ricomincia...

RECENSIONE: libro per me faticosissimo, mi piace molto il fantasy, ma questo è per i miei gusti troppo pesante...questo è il primo impatto con le oltre mille pagine di questo libro. Al di là di questo lo stile dell'autore è sublime, la storia è raccontata in maniera ineccepibile e consiglio davvero questo libro a chi ama il genere horror e i libri di Stephen King. Direte che sono contraddittoria ? No, sono oggettiva, nel senso che non fa per me, ma è davvero un buon libro, diviso in due parti che coprono due archi temporali diversi...quindi doppio sforzo di questo straordinario autore. Per chi ha visto il film (che ovviamente non è certo come il libro) saprà la trama, ma nonostante il libro sia molto vecchio, non voglio spoilerare se qualche lettore non lo avesse letto.
It non è solo il titolo del libro, ma è anche il nome della malvagia creatura protagonista, che torna ogni 28 anni per riscuotere il suo tributo di sangue. Gli altri personaggi invece sono tutti bambini (che poi ritroveremo adulti) con problematiche diverse: chi è balbuziente, chi è obeso, chi è un bullo...e la misteriosa creatura al centro della storia, altro non è che l'incarnazione del male che circonda la cittadina di Derry. Un libro quindi che per certi aspetti va oltre il fantasy, e che incamera al suo interno paura, problemi, difficoltà di bambini che poi diventano adulti, la morte, il coraggio e il dolore.
Un libro inquietante, ma che ha carattere, credo l'opera più 'completa' nel vastissimo panorama delle opere di Stephen King.

Alla prossima
Alessandra

 

Nessun commento:

Posta un commento