Lo stralcio del mese

"Words can sometimes have a far greater effect on HEART than a kiss" (Maybe Someday)

sabato 28 febbraio 2015

"Il Principe della Nebbia" di Carlos Ruiz Zafon

Buonasera amiche, come va ? Oggi voglio parlarvi di un libro che ho letto appositamente per una challenge...trattasi di Il Principe della Nebbia di Carlos Ruiz Zafon


 
Titolo: Il Principe della Nebbia
Autore: Carlos Ruiz Zafon
Editore:  Mondadori

TRAMA: Corre l'anno 1943; nella casa in cui si è trasferita la famiglia Carver per sfuggire alla guerra, in un piccolo paesino sulle sponde dell'Atlantico, è avvenuta la morte accidentale dei precedenti inquilini. Accidentale? Il figlio dei Carver, Max, avverte una presenza minacciosa: le sue ricerche lo porteranno sino al "Principe della nebbia", figura diabolica e ipnotica: ora sinistro pagliaccio, ora serpente marino, ora impalpabile figura di nebbia che aleggia nei vicolo oscuri del paese. Un clima di inquietudine e di mistero avvolge il protagonista e il lettore.
RECENSIONE:  Zafon, un autore che ho conosciuto grazie alla professoressa di italiano di mia figlia che l'ha spinta a leggere qualcosa di questo autore, convinta che le sarebbe piaciuto. Ebbene, le storie in effetti sono avvincenti, la lotta del bene contro il male, dei buoni contro i cattivi, ci viene sempre presentata attraverso vicende diverse, dove l'atmosfera che l'autore crea avvolge completamente il lettore.
E anche in questo caso posso confermare che è così.
La vicenda si svolge durante gli anni della Seconda Guerra Mondiale, è una storia di amicizia e di amore, all'inizio un amore spensierato (e Zafon è bravissimo a descrivere la nascita dell'amore tra Roland e Alicia) che si intreccia a una storia di magia...ma non magia 'positiva', ma qualcosa di diabolico...il Principe della Nebbia, per l'appunto, un personaggio mutevole che non esita a scendere a patti con chi che sia.
Un romanzo breve, oppure una novella lunga, scritta con lo stile impeccabile di Zafon...per chi ama le atmosfere misteriose che ti lasciano con il fiato sospeso.

Alla prossima
Alessandra

Nessun commento:

Posta un commento