Lo stralcio del mese

LettereInLiberta...recensioni in anteprima, segnalazioni, revisioni di romanzi inediti...contattatemi per collaborare con il mio blog !

venerdì 3 luglio 2015

"Il Principe Vampiro. Seduzione" di Christine Feehan

Ciao amiche, secondo salto nel mondo dei Carpaziani per continuare a seguire le avventure di questa "razza" di vampiri un po' speciali

Desiderio (Il principe vampiro, #2) 
Titolo: Il Principe Vampiro. Desiderio (The Dark Series. Dark Desire #2)
Autrice: Christine Feehan
Edizioni: Newton Compton

TRAMA: In fuga sulle remote montagne dei Carpazi, la dottoressa Shea O’Halloran si imbatte in una grotta segreta. All’interno giace un uomo ferito, consumato dalla rabbia e dalla disperazione. La sua anima trema: Shea ha già visto in sogno quest’uomo, torturato e bruciato vivo. E in sogno le parlava di un tormento infinito, di una fame insaziabile, di oscuri desideri. Decide di prendersi cura di lui e a poco a poco, negli occhi brucianti di passione di quell’uomo dal cuore gelido, riconosce l’amato che ha fatto parte della sua vita. Ma è successo tanto tempo fa. Sono passati anni, secoli, forse millenni. Chi è quest’uomo misterioso? Lei è la sua guaritrice o la sua preda? La sua compagna o la sua vittima? Il suo fascino la porterà alla pazzia o alla scoperta dell’unico, vero amore?

RECENSIONE: se il primo libro vi era piaciuto...il secondo è ancora più accattivante. Ritroviamo i personaggi incontrati nel capitolo precedente, ma questa volta viene narrata la storia di Jacques, il fratello di Mikhail, creduto morto, fino al momento in cui Shea lo ritrova e lo salva, dando inizio a una nuova storia d'amore. Come nel primo libro alcuni passaggi sono un po' frettolosi, diciamo che è dato per scontato che se un Carpaziano trova l'anima gemella, il sentimento sia corrisposto...
Detto questo anche il questo libro grande importanza data al genere femminile, fondamentale per salvare i Carpaziani dal baratro del vampirismo e per riprodurre la specie.
In realtà l'amore che viene fuori in questi libri è un po' "pilotato", non è mai un sentimento puro e fine a se stesso, e questo è l'unico dettaglio che mi fa un po' storgere la bocca...ma a parte questo l'autrice ha uno stile impeccabile, la storia scorre bene, e gli eventi si susseguono in modo chiaro.
Chi ha amato il primo libro, rimarrà ancor più affascinato dal secondo e dal modo in cui pagina dopo pagina veniamo a conoscenza delle origini e delle usanze del popolo dei Carpaziani.

Alla prossima
Alessandra
 

Nessun commento:

Posta un commento